Un cielo artificiale

ingabbiava l’angoscia

di sentirmi perduta

e alla mano sicura

che comprese l’inganno

io mi agganciai.

Un treno, muto e indistinto,

mi liberò dal grigiore

dei vetri imprigionati

fra le braccia metalliche.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

porto_caleri.jpg